Chiesa del Santissimo Rosario

Via Aragonese

La chiesa di S. Tommaso Apostolo è storicamente documentata in un testamento del 1135 conservato nell’Archivio Capitolare di Gaeta. Rientra tra le quattro parrocchie più antiche di Gaeta (insieme a S. Giorgio, S. Pietro e S. Lucia). Il parroco di S. Tommaso indossava la mitria, occupava i posti maggiormente di rilievo durante le funzioni religiose e veniva spesso eletto tra i canonici della cattedrale.

La chiesa aveva una struttura ad una navata suddivisa in due campate coperte da volte gotiche; al nucleo originario furono aggiunti successivamente l’avancorpo (ingresso e sovrastante cantoria) e il presbiterio. È ipotizzabile che in origine la chiesa avesse uno spiazzo circostante, ma con la realizzazione di Via Aragonese (1850 ca.) l’intero fianco sinistro venne a trovarsi al di sotto del piano stradale e per evitare danni causati dalle infiltrazioni meteoriche si procedette alla realizzazione di una intercapedine su tutto il muro sinistro. Davanti alla facciata, decorata solo da una piccola scultura settecentesca raffigurante la Madonna col Bambino, si apre una piazzetta con selciato in pietra calcarea, posta al termine di una ripida scalinata. Sul fianco destro della cappella si erge un campanile a vela probabilmente realizzato nel XVIII secolo.

Nel 1725 le volte furono restaurate ad opera del vescovo Pignatelli. Nel 1809 fu soppressa la parrocchia e nella chiesa fu trasferita la sede della Confraternita del Rosario, proveniente dal convento di San Domenico. Con la Confraternita la chiesa acquisisce il nuovo nome di chiesa del SS. Rosario. Il trasferimento del pio sodalizio ha portato nel luogo di culto tutta una serie di arredi sacri provenienti proprio dalla cappella che la confraternita aveva all’interno del tempio di San Domenico: altare maggiore (1738), pala d’altare “Madonna del Rosario con S. Domenico e S. Caterina da Siena”, dono di Sebastiano Conca (1737-1738), la balaustra con gli stemmi della Confraternita sui pilastrini (1726). Sono databili al 1850 ca. gli altari laterali, alcune statue e parte del corredo della settecentesca Statua della Madonna del Rosario.